07 Giugno 2012 - Tag: , , - Fonte: contributicasa.it

Regione Veneto stanzia 52 milioni di euro nel 2012

Regione Veneto prima casa

La Regione Veneto ha stanziato 57 milioni di euro per la prima casa, in tal modo tutte le famiglie in possesso dei requisiti  potranno beneficiare dei finanziamenti a fondo perduto per acquistare la loro prima abitazione.   La regione Veneto aveva infatti stanziato già da tempo tale somma , ma il bando non era ancora operativo in  attesa di sottoscrivere l’accordo con le banche.  Il programma regionale per l’edilizia residenziale pubblica è da oggi completamente operativo e tutte le famiglie in regola con i requisiti per la prima casa , potranno richiedere il contributo pubblico .  Le famiglie che faranno richiesta potranno , qualora entreranno in graduatoria , godere di contributi a fondo perduto per poter abbattere il capitale di mutuo contratto.  Il presidente della regione Veneto , ha sottoscritto e siglato gli accordi con nove istituti bancari  di seguito elencati: Federazione veneta delle banche di credito cooperativo, Unicredit, Cassa di Risparmio di Venezia, Monte dei Paschi di Siena, Banca Antonveneta - Gruppo Montepaschi, Banco Popolare, Banca nazionale del lavoro, Cassa di Risparmio del Veneto e Banca popolare di Vicenza. Le legge finanziaria del 2012  ha infatti reso possibile alcune modifiche  disponendo  che a decorrere  dal mese di aprile 2012 i contributi a fondo perduto in conto interessi per la realizzazione di alloggi da cedere in proprietà a prezzo convenzionato nell'ambito del Programma regionale per l'edilizia residenziale pubblica 2007-2009 concessi alle imprese di costruzione, alle cooperative di abitazione e alle ONLUS statutariamente dedicate a contrastare il disagio abitativo sono convertiti in contributi a fondo perduto in conto abbattimento del capitale mutuato per un importo massimo di 25000,00 euro
Pertanto a seguito di tale legge la Giunta regionale del veneto con delibera del 7 maggio 2012 ha approvato le modalità del bando ed individuato i criteri .

Segnala questo articolo: