Mutui Tasso Variabile

Mutui Tasso Variabile Suggerimenti

Richiedi un preventivo gratuito senza impegno ed informazioni sui contributi prima casa

Perché dovrei scegliere i mutui a tasso variabile  di contributi casa?

Perché contributi casa ha le migliori condizioni di mutui a tasso variabile appositamente selezionati tra i maggiori istituti creditizi internazionali

Quali sono le caratteristiche di un mutuo a tasso variabile?

I mutui a tasso variabile hanno un tasso di interesse che non rimane fisso, ma è condizionato dall’andamento di alcuni indici economici di riferimento, che vengono specificati nel contratto di mutuo. Un mutuo a tasso di interesse variabile permette al mutuatario di beneficiare di una rata iniziale inferiore rispetto a quella prevista da un mutuo a tasso fisso; ma bisogna tenere sempre in conto dei  cambiamenti  del mercato monetario che possono determinare un aumento del tasso di interesse e, quindi, delle rate da pagare.

L’ammontare del tasso variabile nasce dalla somma di due parametri: il tasso Euribor (Euro Interbank Offered Rate), che corrisponde al tasso medio al quale avvengono le transazioni finanziarie in Euro tra le più grandi banche europee ed equivale all’attuale costo del denaro per le banche, e lo spread che, come nel caso del tasso fisso, indica il margine di guadagno della banca per l’erogazione del servizio e varia a seconda dell’istituto finanziario considerato (costituendo uno degli elementi da prendere in considerazione per valutare la convenienza di più proposte di mutuo a tasso variabile).

Diversamente dallo spread, che rimane fisso per tutta la durata del mutuo, il tasso Euribor è soggetto a variazioni ed il suo valore deve pertanto essere ricalcolato periodicamente (la rilevazione può avvenire ogni 1, 3, 6 o 12 mesi): sulla base delle scadenze incluse nel contratto di mutuo, la banca prende atto del valore di questo tasso e provvede ad aggiornare l’entità delle rate residue (si è già discusso di come il tasso di interesse variabile non consenta la predisposizione di un piano di ammortamento definitivo, durante la fase di stipula del contratto). E’ possibile verificare personalmente l’andamento dell’Euribor consultando la stampa specializzata o le sezioni dedicate all’economia dei principali quotidiani nazionali.

Per i mutui a tasso variabile è assolutamente indispensabile conoscere la distinzione tra tasso di ingresso ed a regime. Il tasso d’ingresso è un tasso d’interesse fisso che la banca può applicare nel corso dei primi mesi o anni del mutuo; il tasso a regime è il tasso di interesse effettivo nei mutui a tasso variabile, quello che segue il tasso d’ingresso e che viene calcolato come somma dell’Euribor e dello spread. Nel momento in cui si sceglie un mutuo a tasso variabile, diviene quindi opportuno assicurarsi che il tasso di interesse reclamizzato sia quello “a regime”, e non quello d’ingresso. Un mutuo a tasso variabile può rivelarsi una buona scelta quando si ritiene improbabile un aumento dei tassi base nel medio-lungo termine.

Se compilo il form  on-line sono obbligato a sottoscrivere il mutuo?

La richiesta  inviata è assolutamente senza impegno, riceverete dai nostri partner dei preventivi senza impegno dopodiché  sarete liberi di scegliere se continuare con  la vostra richiesta.

Ma firmerò l'atto alla presenza di un notaio?

  La stipula del mutuo e il rogito  sono sempre sottoscritti alla presenza di un notaio così come previsto dalla legge.

Qual è la procedura fissata per  la stipula dal notaio ?

 Una volta che la banca ha deliberato il vostro mutuo  si fisserà un appuntamento concordato presso il vostro notaio di fiducia dove avverrà la firma del rogito e la stipula del mutuo.

Il servizio di Contributi Casa è gratuito

si, il servizio di Contributi Casa è assolutamente gratuito